Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, eventuali cookie analitici di terze parti. Se vuoi saperne di più ed esprimere la tua scelta circa l'utilizzo dei cookie analitici clicca qui. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all'uso di tutti i cookie.

Ecco perché piace alle donne,
sempre di più

Veggie menù a prova di birra

Birra, sapori e calorie. Il commento della nutrizionista

“PER ME UNA BIRRA”, la web app delle donne che amano la birra e la buona cucina

Ricetta 5
Lei_1024
banner_1

Mantenere la forma a tavola senza rinunciare al piacere di un buon piatto? E’ il desiderio di tutte le donne.

“Birra io t’adoro” dedica a loro e, in particolare alla generazione Millennials, la web app “Per me una birra” (www.permeunabirra.it) pensata per le giovani, appassionate della buona cucina, che non rinunciano a essere trendy a tavola, come nella vita, senza mai apparire sopra le righe. Proprio come la birra.

La web app, supportata dalla testimonial d’eccezione Tania Cagnotto, è pensata per raccontare le nuove tendenze gastronomiche della cucina italiana contemporanea che piace alle donne, e lo fa attraverso 50 piatti accompagnati dalla birra, bevanda simbolo di gusto e leggerezza. Perché la birra oggi è sempre più donna: 6 su 10 la consumano regolarmente e il 43% beve birra perché si abbina bene al cibo (NextPlora-AssoBirra).

“Per me una birra” è una vera e propria guida culinaria, semplice e intuitiva che dà la possibilità di navigare attraverso 7 categorie - veggie, crudo, dal mondo, pasta, carne, pesce, pizza – scegliendo quella più adatta al nostro stile di vita e alle esigenze del momento. Ogni ricetta è associata alle calorie corrispondenti (suddivise in: “sono a dieta”, “tra 400 e 600” e “oltre 600”, incluso l’apporto della birra indicata per l’abbinamento) e a diverse occasioni della giornata: la pausa pranzo, l’aperitivo del venerdì con le amiche, la cena del sabato o il pranzo della domenica. Da non perdere la sezione social, che racconta il mondo della birra in 10 tweet da condividere subito con le amiche sui propri profili.

E proprio perché la birra è donna, un team tutto al femminile ha selezionato e interpretato le ricette della web app: esperte cibo&lifestyle hanno abbinato i piatti a un calice (“una piccola” da 0,20 l, la quantità più indicata dagli esperti per un consumo prudente e consapevole di alcol) della birra più adatta, in un viaggio alla scoperta della nuova tendenza foodie che sa mettere d’accordo gusto e bilancia e sancisce il cambiamento di un’epoca. Dalla blogger e food reporter Sandra Salerno, che ha scelto i piatti, alla chef e consulente Stefania Corrado, che li ha interpretati, il tutto condito dai consigli nutrizionali della specialista in Scienza dell’alimentazione Evelina Flachi e arricchito dalle foto evocative delle ricette realizzate dalle fotografe specializzate in food Francesca Brambilla e Serena Serrani.

Gli stili protagonisti della web app “Per me una birra” sono quelli più facilmente reperibili sul mercato: dalle più classiche birre chiare (Lager e Pils), a quelle di frumento (Blanche, Weizen), fino alle strutturate Bock e Abbazia, passando per l’universo delle Ale. Ognuna di queste contribuisce a riscoprire i sapori (vecchi e rivisitati) dei 50 piatti più amati dalle giovani italiane, che non sfigurerebbero nel menù di un ristorante, facili da replicare in casa per una serata speciale con le amiche… o per una “schiscetta” tutta gusto e leggerezza da portare in ufficio per la pausa pranzo: dai piatti più chic e ricercati come i “Tubetti di Gragnano, ragù di coniglio al profumo di timo e curry thailandese” e il “Salmone affumicato, pane nero, burro demi-sel, aneto e chips di barbabietola” fino a un intramontabile classico, Pizza&birra.

Cosa aspettate? Scoprite il mondo di “Per me una birra” su www.permeunabirra.it