Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, eventuali cookie analitici di terze parti. Se vuoi saperne di più ed esprimere la tua scelta circa l'utilizzo dei cookie analitici clicca qui. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all'uso di tutti i cookie.

Perché ci rispettiamo
e beviamo responsabilmente

Il binge drinking non è cool

Donne al volante, sicurezza costante

Ma tu lo conosci l’alcol?

ci-metto-la-testa-foto_4
ci-metto-la-testa-foto_2
ci-metto-la-testa-foto_3

Le bevande alcoliche fermentate, come il vino e la birra, sono conosciute e consumate dall’uomo da 10 mila anni e fanno parte della cultura, dei riti e della vita sociale di quasi tutti i popoli del mondo. In particolare nella nostra cultura mediterranea, hanno da sempre, bevuti in moderazione, un significato di gradevole componente di un pasto o di un momento conviviale e di condivisione sociale.

Come si ricava? – Forse non tutti sanno che l’alcol alimentare (anche detto alcol etilico o etanolo) è presente in diversa concentrazione nelle bevande alcoliche ed è una sostanza che deriva dalla fermentazione degli zuccheri contenuti nella frutta (i.e. il vino) oppure degli amidi di cui sono ricchi cereali (i.e. la birra) e tuberi.

Uno sguardo alle calorie – Vale la pena ricordare che l’alcol possiede un proprio valore energetico pari a 7 kcal per grammo, di cui occorre tener conto quando si sceglie di consumare una bevanda alcolica. Le calorie sviluppate dall’alcol vengono in gran parte disperse dall’organismo sotto forma di calore.