Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, eventuali cookie analitici di terze parti. Se vuoi saperne di più ed esprimere la tua scelta circa l'utilizzo dei cookie analitici clicca qui. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all'uso di tutti i cookie.

Perché è a suo agio in ogni occasione,
sempre unica e di tendenza

Cheer with beer: 3 antipasti per Capodanno

Un sorso di poesia

Buoni propositi? No, grazie. 5 cose da fare in alternativa a Capodanno

Capasanta pompelmo
Poesia
Propositi

Tra pragmatismo e buon senso, ecco le buone pratiche per il 2016 che soppianteranno la solita lista dei buoni propositi

Anno nuovo, vita nuova. Sì, ma che fatica! Quante volte ci siamo ritrovate il 31 di dicembre a stilare una interminabile lista delle buone intenzioni per poi accartocciarla e buttarla nel cestino già alla fine della prima settimana di gennaio? Nel 2016 facciamoci un regalo: invece di votarci ai soliti (stereotipati e irrealizzabili) buoni propositi, tanto meglio rimanere con i piedi per terra e darci 5 semplici regole di buon senso che possono facilmente diventare il nostro faro per l’anno che ci aspetta!

Palestra… fai da te! “Da gennaio mi iscrivo in palestra!” Anche voi fate parte di quella schiera che se lo ripromette ogni anno senza riuscirci? Si rimanda una volta o due, e si finisce per rinunciare del tutto. La soluzione, allora, potrebbe essere quella di trasformare in una palestra la nostra vita di tutti i giorni. Basta armarsi di un paio di comode scarpette da ginnastica da portare sempre con sé e cominciare ad andare e tornare dal lavoro con i mezzi pubblici, per esempio, magari scendendo una fermata prima, per fare quattro passi in più; prendere l’abitudine di uscire di casa preferendo le scale all’ascensore e fare le pulizie con un bel sottofondo musicale, alternando a detergenti e strofinacci qualche squat e un po’ di esercizio aerobico. Da brave Millennials ci siamo già scaricate tutte le app possibili per misurare le performance e farci guidare da personal trainer dalla voce elettronica.

Più tempo per me stessa… Decidere in maniera molto vaga e astratta di prenderci un po’ di tempo per noi potrebbe rivelarsi controproducente. Per non farci risucchiare dall’immancabile emergenza lavorativa, è bene scegliere sin dall’inizio un giorno della settimana in cui, una volta finito il nostro turno, spegnere lo smartphone concedendoci un po’ di calma e di “silenzio radio”. Non importa come impiegheremo quel tempo, l’importante è non essere raggiungibili: ci sentiremo immediatamente più libere.

…e per gli amici! Le amicizie e gli affetti sono il nostro bene più prezioso e dobbiamo coltivarlo. Per questo, è utile stabilire appuntamenti settimanali, in cui, cascasse il mondo, ritrovarsi e passare un po’ di tempo insieme. Un’idea carina, sicuramente realizzabile, potrebbe essere quella di scegliere un programma tv da guardare tutti assieme, magari davanti a una bella ciotola di pop corn e la nostra amata birretta. Se gli impegni e il lavoro tendono a farci allontanare, è sempre meglio focalizzarsi sugli interessi comuni: l’energia spesa per mantenere gli impegni verrà moltiplicata in positività come solo affetti e amicizia riescono a fare.

Dieta ferrea? - Per una volta, perché non accantoniamo i propositi di dieta ferrea che puntualmente non riusciremo a mantenere? Non servono grandi rinunce per rimettersi in forma. Proviamo piuttosto a mangiare sano e con più regolarità, senza privarci di nulla, magari facendo un po’ più di attenzione alle quantità e alla cottura. E no alle drastiche diete fai da te. Non è poi così difficile e gli effetti non li vedremo solo sul punto vita ma sul benessere generale. Basta lasciarsi un giorno a settimana in cui essere totalmente libere, concedendosi quel pizzico di trasgressione, che, in fondo, fa anche bene all’umore. E no, non è necessario rinunciare alla birra e al gusto…non ci credete? Date un’occhiata qui.

Formica d’inverno, cicala d’estate! – Per non ritrovarci come ogni anno a villeggiare nella solita e monotona casa al mare o in montagna, la cosa migliore da fare è iniziare a pensare alle proprie vacanze estive sin dall’inizio dell’anno, imponendoci un budget non troppo elevato sul quale “lavorare” sin da subito risparmiando sulle piccole spese quotidiane (meno caffè e meno take away?). L’ideale sarebbe una vacanza low cost e alternativa, magari optando per soluzioni come il car sharing, il coach surfing, sistemi di social renting, o anche tentare l’avventura zaino in spalla. La regola fondamentale, comunque, è sempre quella di documentarci bene: arrivare preparate ci permette di ottimizzare i tempi, la spesa e di divertirci di più!