Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, eventuali cookie analitici di terze parti. Se vuoi saperne di più ed esprimere la tua scelta circa l'utilizzo dei cookie analitici clicca qui. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all'uso di tutti i cookie.

Scopri perché è 100% naturale, gourmet
e con un animo wellness

I week end d’autunno… dalla A alla Birra

Birra. Meglio calda o fredda?

Happy beer Friday, 3 idee per l’aperitivo 

Weekend birra
Foto birra
pizza_burrata_rid

Godersi una bella birra durante l’aperitivo del venerdì senza esagerare con le calorie? No, non è un sogno!

Si può vivere l’happy hour senza troppi patemi (o patè) d’animo grazie ai suggerimenti culinari della web app Per me una birra. Sarà più facile allestire un menù gustoso scegliendo la ricetta che fa al caso vostro; dagli stuzzichini più semplici, al finger food più raffinato, rispettando un’unica regola d’oro: leggerezza. Con la giusta birra in abbinamento, anche i palati più esigenti saranno accontentati.

Ecco, allora, 3 idee che assecondano 3 stili diversi, per iniziare la serata mettendo d’accordo proprio tutti, girovita compreso.

 

 1) Patate viola al vapore, panna acida e caviale (350 kcal birra inclusa!),  un piatto originale e un bicchiere di Pils per l’amante dell’estetica

Ingredienti (4 persone) 4 patate Vitelotte (800 g.); 4 cucchiaini di Caviale Oscietra Per la panna acida: panna fresca (100 g.); yogurt compatto (100 g.); 1 cucchiaio di succo di limone; 1 pizzico di sale

Preparazione Per le patate Vitelotte al vapore: Lavate le patate con cura e tagliatele a fette spesse 1/2 cm, in senso orizzontale. Cuocete a vapore per venti minuti e lasciate raffreddare.

Per la panna acida: Mescolate la panna allo yogurt; aggiungete un cucchiaio di succo di limone, un pizzico di sale e mescolate bene. Infine, lasciate riposare la salsa per trenta minuti in frigorifero.

Servite le patate a temperatura ambiente con la creme fraiche e un cucchiaino di caviale.

 

 2) Focaccia con burrata e San Marzano (con la birra 370 kcal in tutto). Focaccia per le più tradizionali in abbinamento con una Weizen!

Ingredienti (1 focaccia per 6 persone): Pasta a fermentazione naturale, stesa su placca e lievitata (270 g.); pomodori San Marzano ben maturi (500 g.); 3 o 4 foglie di basilico; 1/2 burrata di Andria freschissima (70 g.); 4 cucchiai di olio extravergine di oliva; 2 spicchi di aglio; sale

Preparazione: Incidete i pomodori e sbollentateli in acqua leggermente salata per qualche minuto. Poi scolateli, privateli della pelle e tagliateli a metà, eliminando i semi interni. Infine, rompeteli con le mani facendo sì che perdano in uno scolapasta la loro acqua di vegetazione. Riscaldate leggermente l’olio extravergine di oliva in una pentola con due spicchi di aglio in camicia; lasciate cuocere per quarantacinque minuti. Spegnete il fuoco, aggiungete il basilico ed aggiustate di sale. Distribuite abbondante pomodoro sulla pasta della focaccia (stesa leggermente più alta rispetto ad una normale pizza) ed infornate a 250 °C (il risultato sarà migliore se avete anche la pietra refrattaria). Una volta pronta, sfornate la focaccia ed aggiungetevi la burrata tagliata a pezzi grossolani e un filo d’olio extravergine di oliva.

 

3) Ceviche di pesce bianco (assieme a una birra, appena 424 kcal). Abbinamento chic con Lager e branzino per i palati raffinati

Ingredienti (4 persone): Branzino già pulito e sfilettato (500 g.); 1 mango (200 g.); 1/2 peperoncino verde dolce; 1/2 peperoncino Aji Amarillo; 1/2 peperoncino Habanero; 1 cetriolo (150 g.); il succo di 1 lime; il succo di 1 arancia; coriandolo fresco; tabasco; olio extravergine di oliva (80 g.); sale

Preparazione: Tagliate i filetti di branzino prima a listarelle sottili, poi a quadratini per ottenere una tartare. Mettetela in una ciotola, aggiungete qualche goccia di tabasco, il battuto di verdure, di mango e il succo del lime e dell’arancia. Condite con olio, aggiustate di sale e mescolate bene. Lasciate riposare a 4 °C per dieci minuti prima di servire. Come ultima cosa prima di servire il chevice, tritate il coriandolo al coltello. La tradizione vuole che il succo restante, detto “leche de tigre” si beva alla fine del piatto, dopo averlo filtrato.

Se vi sono piaciute queste 3 idee per un aperitivo divertente, saporito e leggero, potrete trovare  molte altre ricette e abbinamenti con le vostre birre preferite sulla web app www.permeunabirra.it!