Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, eventuali cookie analitici di terze parti. Se vuoi saperne di più ed esprimere la tua scelta circa l'utilizzo dei cookie analitici clicca qui. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all'uso di tutti i cookie.

Perché ci rispettiamo
e beviamo responsabilmente

Pranzo della domenica? I migliori abbinamenti con la birra

5 cose da sapere su una donna che ama la birra

O bevi, o guidi: gli effetti dell’alcol sulla guida

Vitello birra
Donne shooting
Guida

O bevi, o guidi. La stragrande maggioranza degli amanti della birra lo sa benissimo, ma ricordarlo non fa mai male. Anche nel nostro Paese, il numero degli incidenti stradali causati dalla guida in stato d’ebbrezza resta purtroppo altissimo.

Secondo il codice della strada, si può essere fermati dalle forze dell’ordine per un accertamento alcolimetrico, che misura – attraverso l’etilometro – la quantità di alcol presente nell’aria espirata. Il limite legale per la guida è di 0,5 grammi al litro: una soglia che si può superare facilmente con un bicchiere di vino (di circa 187 ml.) oppure con una lattina e mezzo di birra da 33 cl. (per un totale di 495 ml.). Ma oltre alla legge e alle sanzioni cosa succede alla nostra percezione e alla nostra capacità alla guida?

  • Riduzione del campo visivo – Normalmente il campo visivo è di 180° quando l’alcol nel sangue supera la soglia di alcol consentita questo diminuisce sensibilmente con una conseguente difficoltà nell’individuare segnali stradali, luci di frenata e semafori. In casi estremi si può addirittura arrivare alla cosiddetta “visione a tunnel”, in cui il campo visivo si riduce a un diametro minimo, che rimane il medesimo qualunque sia la distanza dall’occhio dell’oggetto osservato.
  • Difficoltà di coordinazione e reazione - L’alcol, inoltre, rende difficoltosa la coordinazione dei movimenti e aumenta i tempi di reazione: i movimenti e gli ostacoli sono percepiti con notevole ritardo e con un’alcolemia di 0,5 grammi al litro i tempi di frenata, in media, passano da 0,75 secondi a circa un secondo e mezzo.
  • Perdita del senso della distanza e velocità – Sotto l’effetto dell’alcol, l’automobilista diventa più audace, perdendo il senso della distanza e della velocità, azzardando magari sorpassi che in condizioni normali non avrebbe mai tentato se non avesse bevuto.

Le sanzioni – Da questi semplici dati, risulta evidente che bere e guidare sono due attività incompatibili. Anche per questo, dopo la conversione in legge del Decreto Bianchi, le norme relative alla guida in stato d’ebbrezza sono diventate più severe.

Con tasso alcolico da 0,5 a 0,8 gr/l si rischia una sanzione da 500 a 2.000 euro, la sospensione dalla guida da 3 a 6 mesi e la sottrazione di 10 punti dalla patente. Con un tasso da 0,80 a 1,50 gr/l, le sanzioni crescono (da 800 a 3.200 euro), la sospensione passa dai 6 ai 12 mesi e si rischia l’arresto (fino a 6 mesi). Oltre 1,50 gr/l la sospensione della patente sarà di 12-24 mesi, si va incontro all’arresto (da 3 mesi a 1 anno) e alla revoca della patente in caso di recidiva entro un biennio. La sanzione, poi, sale verso cifre che vanno dai 1.500 ai 6.000 euro.

È molto più facile ricordare: Se bevi, non guidi.

Fonti: Ministero della Salute; Dipartimento Politiche Antidroga; Beviresponsabile.it