Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, eventuali cookie analitici di terze parti. Se vuoi saperne di più ed esprimere la tua scelta circa l'utilizzo dei cookie analitici clicca qui. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all'uso di tutti i cookie.

Perché è a suo agio in ogni occasione,
sempre unica e di tendenza

Birra tra le stelle? Quando la scienza incontra l’immaginazione

Tendenze food: nel week end il barbecue batte il pranzo al mare

Birra smart: le app per le donne che amano la birra

Birra tra le stelle
Tendenze food 1024
Birra smart 1024

Dimmi chi sei e ti dirò che birra vuoi. Aperitivi trendy e smartphone alla mano, sbagliare birra è ormai uno sbiadito ricordo. Che la si preferisca chiara o rossa, fresca o austera, a far coincidere gusti con l’offerta ci pensa una App. anzi, molto più di una. C’è infatti l’imbarazzo della scelta tra i software, gratuiti e a pagamento, che è possibile installare sul proprio telefono per essere sicure di bere la tipologia di birra che possa soddisfare al meglio anche il palato più esigente. La tendenza, in voga già da qualche tempo, sta affinando il ventaglio di proposte mettendo a disposizione delle amanti della birra strumenti sempre più efficaci. Da quella che indovina la tua birra preferita a quella che misura il tasso alcolemico, ecco le immancabili app per le Millennials.

Di che birra sei? – Tra le App pensate per aiutare nella scelta ce n’è di tutti i tipi. Si spazia, infatti, dai suggeritori che incrociano i gusti personali con un nutrito database di offerta e quelli che la individuano a seconda della circostanza, una Lager per la fine di una storia d’amore, una Pils per festeggiarne una nascente o una birra d’Abbazia per brindare a un successo lavorativo. La birra preferita sarà indicata con successo solo dopo che il programma avrà analizzato cosa avete bevuto in un periodo di tempo ‘campione’ in cui vi sarà richiesto di inserire le tipologie bevute e un voto indicativo del soddisfacimento. Il tutto integrato dalle più moderne tecnologie di cui gli smartphone sono dotati, come lettori ottici di etichette, codici QR e semplici fotocamere per immortalare le etichette del cuore.

Per me basta così – Non mancano le App per sapere se si sta esagerando, come quelle ideate per misurare il tasso alcolemico. Un rosa abbondante di possibilità in cui, però, è sempre necessario mettere del proprio (moderazione, responsabilità e consapevolezza nel consumo prescindono da qualsiasi dispositivo IT). Quale che sia la App che avete scelto occorre inserire dei dati su cui possa lavorare; per una misurazione ‘attendibile’ del tasso alcolemico è indispensabile il corretto inserimento delle proprie caratteristiche fisiche come peso, sesso e altezza. Alcune chiedono anche cosa si è mangiato e in quali quantità. Ma attenzione, nessuna ha valore come gli strumenti di controllo diretto in dotazione a personale medico sanitario e forze dell’ordine.

Una birra sullo schermo - Sulle opzioni giocose c’è da sbizzarrirsi. Da quelle che trasformeranno lo schermo del vostro smartphone in un calice di birra a quelle che indicano la carica della batteria con i livelli di schiuma o che, quando il telefono è in carica, simulano la spillatura: sono quasi tutte gratis, interagiscono con l’inclinazione del telefono e rendono un effetto sorprendente. D’altra parte dove sta scritto che utile debba essere meno necessario del dilettevole?