Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, eventuali cookie analitici di terze parti. Se vuoi saperne di più ed esprimere la tua scelta circa l'utilizzo dei cookie analitici clicca qui. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all'uso di tutti i cookie.

Perché è a suo agio in ogni occasione,
sempre unica e di tendenza

Fuga dalla città: il week end en plein air dello chef

Birra smart: le app per le donne che amano la birra

Birra tra le stelle? Quando la scienza incontra l’immaginazione

Fuga città
Birra smart 1024
Birra tra le stelle

Studi e ricerche scientifiche, esplorazioni di nuovi mondi, missioni per intercettare meteoriti in rotta di collisione o una, alla lista degli innumerevoli ottimi motivi per andare nello spazio se ne potrebbe aggiungere presto uno nuovo, di natura meno scientifica, ma solo all’apparenza: bere una birra.

Tutto nasce dalla curiosità di Michal Bodzianowski, un ragazzino undicenne del Colorado che ha posto una domanda talmente interessante che la NASA ha deciso di dargli una risposta coinvolgendolo in un progetto da 21.500 dollari. What Are the Effects of Creation of Beer in Microgravity and Is It Possible?, ovvero, è possibile produrre birra nello spazio? E se sì, con quali effetti?

Intervistato dai media statunitensi, il giovanissimo studente della Science, Technology, Engineering and Math School & Academy di Douglas County, ha spiegato che a incuriosirlo è stato un testo sul medioevo che aveva letto di recente. A quei tempi, infatti, per evitare il dilagare di epidemie si era trovato nella birra un rimedio alternativo all’acqua, spesso contaminata. Dissetava e allo stesso tempo, grazie alla piccola quantità di alcol in essa contenuta, aveva un potere disinfettante. Perché non usarla quindi nello spazio per mettere a disposizione degli astronauti un ‘medicinale’ frizzante e rinfrescane?

Ed ecco quindi che uno dei due laboratori della Stazione Spaziale Internazionale ospiterà una provetta di silicone da riempire con luppoli, malti, lieviti e acqua. I diversi componenti necessari alla produzione di birra, divisi tra loro, saranno osservati per capire quale sarà la reazione mentre si naviga tra le stelle.

Se l’esperimento dovesse avere successo – ha spiegato il giovane Michal Bodzianowskiil processo che ho studiato potrà essere utilizzato per produrre birra da utilizzare come disinfettante e fonte potabile“.

Insomma, quale che sia il motivo a spingerci nello spazio, potrebbe essere una birra a salvarci.

 

Fonte: Birra Informa – centro informazione birra