Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, eventuali cookie analitici di terze parti. Se vuoi saperne di più ed esprimere la tua scelta circa l'utilizzo dei cookie analitici clicca qui. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all'uso di tutti i cookie.

Perché ci rispettiamo
e beviamo responsabilmente

Io viaggio da sola

Cena last minute: Cous cous di mare dello chef

Movida alternativa, se hai bevuto non guidare

Io viaggio da sola
Cena Arrigoni 1024
Movida

Con l’estate arriva il caldo e le giornate si allungano. Cresce il desiderio di passare serate all’aperto (e al fresco) e bere una bevanda fresca. Un vecchio adagio sostiene che quando si ha sete non c’è niente di meglio di un buon bicchiere d’acqua. Saggezza popolare. Eppure anche una bella birra fresca sembra non avere rivali. La scelta è libera, ma per chi decida per il calice c’è un dato da tenere in considerazione: l’alcol allenta i freni inibitori come quelli della macchina. E non si tratta di una fantasia moralista, purtroppo la casistica conferma questa tesi. Nella spensieratezza di un aperitivo, in spiaggia o in piazzetta, aumenta il rischio di superare il limite e quando accade, gli altri se ne accorgono prima di noi. Questo perché l’abuso di alcol annebbia la mente.

Inutile dire che se si è bevuto troppo è sconsigliabile (nel caso del Codice della strada è vietato) mettersi alla guida, direte voi, lo sanno tutti che è pericoloso. Ma c’è chi continua a farlo. Ed è proprio per questo che è fondamentale la sobrietà. Mantenere la coscienza critica e decidere di non bere il famoso ‘bicchiere di troppo’ aiuta noi e quelli che ci stanno intorno. Per due motivi. Primo, se siamo noi a metterci alla guida in stato di ebbrezza diventiamo un pericolo anche per gli altri. Secondo, se è qualcun altro a voler prendere il volante, noi saremmo nella lucida condizione di dissuaderlo e guidare al posto suo. Insomma, a fermarsi in tempo, sia al bar che in macchina, c’è solo da guadagnare! E poi attenzione! La legge italiana in questo senso non fa sconti a nessuno. I limiti sono rigidi e le sanzioni severe:

Tasso alcolemico Sanzione
Tra 0 e 0,5 g/l * Ammenda da 155 a 624 euro. Decurtazione di 5 punti dalla patente.
Tra 0,5 g/l a 0,8 g/l Ammenda da 500 a 2.000 euro. Sospensione della patente da 3 a 6 mesi. Decurtazione di 10 punti dalla patente.**
Tra 0,8 g/l e 1,5 g/l Ammenda da 800 a 3.200 euro. Arresto fino a 6 mesi. Sospensione della patente da 6 a 12 mesi. Decurtazione di 10 punti dalla patente.**
Oltre 1,5 g/l Ammenda tra 1.500 e 6.000 euro. Arresto da 3 a 12 mesi. Sospensione della patente da 12 a 24 mesi (il doppio se il veicolo appartiene ad altra persona). Decurtazione di 10 punti dalla patente. Revoca della patente in caso di recidiva nei 2 anni. Confisca del veicolo (tranne che appartenga ad altra persona) in caso di condanna.**

* Per i giovani sotto i 21 anni e i neopatentati nonché per i conducenti professionali di veicoli da trasporto
** Sanzioni aumentate da un terzo alla metà per i giovani sotto i 21 anni e i neopatentati nonché per i conducenti professionali di veicoli da trasporto.