Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, eventuali cookie analitici di terze parti. Se vuoi saperne di più ed esprimere la tua scelta circa l'utilizzo dei cookie analitici clicca qui. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all'uso di tutti i cookie.

Ecco perché piace alle donne,
sempre di più

Quanto alcol nel bicchiere?

Birra e primavera: naturalità a tavola

Birra, sempre più donna. Intervista ad Adua Villa

quanto alcol nel bicchiere_1
orto birra_abbinamenti
intervista adua villa

L’abbiamo già detto che sempre più donne amano la birra???? Repetita iuvant, dicevano i latini e lo dice anche Adua Villa che – a conferma dei risultati della recente indagine Doxa-AssoBirra – sottolinea un innegabile e crescente interesse delle donne verso il mondo dei luppoli.

Sommelier masterclass, consulente enogastronoma, docente dei corsi di formazione presso l’Associazione Italiana Sommelier, volto noto della tv e appassionata di birra, Adua evidenzia come più della metà dei partecipanti ai corsi AIS sulla birra siano donne, soprattutto 25-35 enni e ci racconta cosa succede quando una donna scopre la propria passione per il mondo della birra…

La passione femminile verso la birra riflette due tendenze: è il segno di una loro curiosità culturale verso tutto quello che ruota attorno al cibo e all’abbinamento, ma riflette anche un desiderio di emancipazione: come per il vino, le donne vogliono conoscere la birra per essere in grado di scegliere da sole.

I motivi? Il cambiamento dei gusti, innanzitutto. Complice una tendenza aiutata dall’alta gastronomia – ma sempre più trasversale – per cui l’amaro “fa rima” con qualità. E il gusto luppolato della birra, rientra, assieme a caffè, cioccolato e olio extravergine d’oliva, tra i sapori che ormai incuriosiscono il gentil sesso. Va detto però che la maggior parte delle donne preferisce ancora le tipologie di birra più delicate, rotonde e profumate.

Ma non va sottovalutato che oggi le donne sono consumatrici ma anche acquirenti. A differenza di qualche anno fa, nella loro lista della spesa questa bevanda è passata da acquisto “per la famiglia” (partner, marito, coinquilino, ecc) a qualcosa da comprare per se stesse, per il proprio gusto e piacere. Sanno che non è più un prodotto solo estivo e sono venuti meno alcuni pregiudizi… per questo comprare una birra per se stesse è diventato un gesto naturale, senza la “paura” di venir giudicate. E lo vedo anche tra le mie amiche “non esperte”, nelle telefonate e nello scambio di messaggi che si apre con la frase “aperitivo da me, prendo due birre”…

La birra piace alle donne anche per il suo vissuto: è immediata e semplice, ma non banale. In un mondo frenetico, ricco di stimoli che dobbiamo sempre interpretare di fretta, tra la riunione che incombe e il treno che sta partendo … ecco, la birra mi accompagna nei momenti di relax in cui posso finalmente essere me stessa. Forse è questo il bello della birra: che non ti fa parlare di lei mentre la consumi. Ma ti fa parlare con le persone con cui la condividi. Sì, è la bevanda per i miei momenti di relax, per la mia cena sul divano.

E a proposito di cena e abbinamento, non serve essere grandi esperti per trovare il beer pairing perfetto. anche le birre chiare come Lager e Pils, le più classiche e beverine, si sposano alla perfezione con piatti leggeri e sfiziosi a misura del gusto femminile, con una versatilità che manca al vino rosso. Perfette con le verdure, ma anche con il pesce, specie quello crudo, la cui tendenza dolce è meravigliosa con la birra. Da consumatrice abituale di carne, poi, non posso non citare il barbecue, che  in Venezuela, dove sono cresciuta, preparavamo marinato con birra e spezie.

Il mio abbinamento del cuore? Provatela con gli spaghetti alle vongole. Il segreto è spadellare i molluschi sfumandoli con la birra, darà al tutto una deliziosa punta di amaro che si rincorrerà dal piatto al bicchiere.