Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, eventuali cookie analitici di terze parti. Se vuoi saperne di più ed esprimere la tua scelta circa l'utilizzo dei cookie analitici clicca qui. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all'uso di tutti i cookie.

Perché è a suo agio in ogni occasione,
sempre unica e di tendenza

90 anni di birra e pubblicità

Tortelli di Parmigiano al ragù di asparagi

4 curiosità che non sai sulla birra

novantanni di pubblicità
tortelli asparagi
curiosità_birra_rid

Sappiamo che la birra è fra le bevande preferite delle giovani donne italiane (Doxa-Assobirra) che ne fanno un uso consapevole e moderato; a dirla tutta abbiamo anche scoperto che la birra è donna da sempre ed è legata da millenni allo sviluppo delle civiltà mediterranee…Ma le curiosità e gli aneddoti a tema birra sono davvero infiniti!

Oggi ve ne raccontiamo 4, dal gossip, a quelli più divertenti, passando per le news di taglio scientifico, da snocciolare in conversazione davanti a un buon bicchiere di birra e un… “lo sapevate che?”

Birre famose – è considerato uno degli uomini più potenti del mondo, ha un grande fascino e una sua birra personale. Stiamo parlando del presidente Barack Obama e della sua White House Honey Ale che, come suggerisce il nome stesso, viene prodotta dagli chef della Casa Bianca. Ha fatto il suo debutto durante una cena presidenziale nel 2011e la sua ricetta prevede oltre ai classici ingredienti anche l’aggiunta di miele prodotto da sua moglie Michelle negli alveari del giardino della Casa Bianca.

Beer tapping – Quante volte l’abbiamo fatto per ridere e stupire gli amici? L’espressione anglosassone indica infatti il gesto di battere in cima al collo di una bottiglia di birra per provocare una improvvisa e inaspettata fuoriuscita di schiuma. Ma quello che fino a qualche tempo fa era solo uno scherzo da pub è diventato oggetto di studio dell’Università di Madrid, che ha pubblicato di recente gli esiti della ricerca sul fenomeno su una nota rivista scientifica.

In sintesi: la birra è un liquido, per la maggior parte  acqua, in cui è disciolta una notevole quantità di un gas, l’ anidride carbonica, di natura endogena. Quando la bottiglia è sigillata, la pressione è più elevata del normale, e la soluzione liquido/anidride carbonica è satura e in equilibrio. Se si toglie il tappo, la pressione esterna diminuisce, la solubilità dell’anidride carbonica cala e la soluzione diventa sovrasatura: per questo, parte della CO2 tenderà a salire in superficie in forma di bollicine, separandosi dal liquido. L’impatto dell’oggetto sul collo della bottiglia di birra genera una serie di onde di espansione-compressione nel liquido che portano alla frammentazione delle bolle di anidride carbonica preesistenti in bolle di dimensioni più piccole. Queste “bolle figlie”, riunite in grandi ammassi, si espandono molto più velocemente delle bolle da cui hanno avuto origine. La rapida espansione, in cui le bolle formano caratteristici pennacchi simili ai funghi delle esplosioni atomiche, determina infine la fuoriuscita tumultuosa della schiuma. Cosa significa tutto questo? Che al di là della curiosità che suscita, il nuovo modello fisico studiato nella birra permette di capire meglio  i processi che riguardano in generale la liberazione di grandi quantità di anidride carbonica  disciolta per molto tempo in acqua. Come può accadere per esempio in natura nei laghi in cui sono presenti particolari condizioni che determinano la mancanza di rimescolamento degli strati d’acqua.

 Birra nella stratosfera – Di diversa natura e di bel altro peso scientifico, l’esperimento goliardico di due americani, Rich Toma e Danny Burns, che hanno spedito una lattina della loro birra preferita a 27 chilometri di altitudine, costruendole attorno un’astronave in polistirolo con unità Gps e telecamera per filmare il tutto. La lattina è rimasta chiusa e il lancio è stato completato con successo, Una trovata ingegnosa (e pubblicitaria) sottotitolata: “Ehi, alieni! Abbiamo portato la birra!”

Birra artistica – Quante cose si possono fare con una lattina di birra (oltre a spedirla nella stratosfera)? Paul Villinski, artista newyorkese dalla sensibilità ambientalista, ne ha fatto un’opera d’arte. Villinski ha infatti utilizzato proprio una lattina di birra per dare vita ad alcune delle sue creazioni suggestive e poetiche: l’involucro di alluminio si trasforma in farfalle leggere e graziose. La scelta delle farfalle, sembra essere tutt’altro che casuale, infatti, in numerose culture simboleggiano la rinascita nel ciclo continuo della vita. Grazie all’arte e alla creatività anche un materiale di scarto, “morto”, come una lattina vuota può tornare a vivere!

…è proprio il caso di dire Birra io t’adoro anche perché non smetti mai di stupirci ;-)

 

Fonti: Assobirra, Birra Informa – Centro Informazione Birra, Focus