Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, eventuali cookie analitici di terze parti. Se vuoi saperne di più ed esprimere la tua scelta circa l'utilizzo dei cookie analitici clicca qui. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all'uso di tutti i cookie.

Ecco perché piace alle donne,
sempre di più

Mediterranea DOC da 5000 anni

La birra fa ingrassare?

“Birra io t’adoro”, premiata per aver valorizzato la parità delle donne

mediterranea doc_rid
birra fa ingrassare_rid
Premio_donne_UDI

La campagna di AssoBirra “Birra io t’adoro” ha vinto oggi il premio nella categoria affissioni di Immagini Amiche, campagna dell’Unione Donne in Italia (UDI) e l’Ufficio d’Informazione in Italia del Parlamento Europeo. Terzaghi, direttore di AssoBirra: “Per raccontare la cultura della birra alle donne, abbiamo immaginato una donna moderna, indipendente, ironica, impegnata, che anche nella vita frenetica di tutti i giorni riesce a ritagliarsi dei momenti di piacere e socialità, in cui il gusto della birra è complemento perfetto. Questo premio è un riconoscimento  della bontà di questa scelta.”

 Roma, 23 marzo 2015 - La campagna di AssoBirra “Birra io t’adoro” ha vinto il Premio Immagini Amiche come migliore campagna pubblicitaria nella categoria affissioni. Il riconoscimento è promosso dall’Unione Donne in Italia (UDI) e l’Ufficio d’Informazione in Italia del Parlamento Europeo con sede a Roma, in partnership con la Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, il Dipartimento per le Pari Opportunità e l’Assessorato alla Scuola, Infanzia, Giovani e Pari Opportunità di Roma Capitale. Ispirandosi alla risoluzione del Parlamento Europeo del 2008 sull’impatto del marketing e della pubblicità sulla parità fra donne e uomini, ha l’obiettivo di contrastare la tendenza di televisione e pubblicità ad abusare dell’immagine delle donne fino a lederne la dignità, e di valorizzare una comunicazione da parte di pubblicitari e aziende committenti che, al di là degli stereotipi, veicoli messaggi creativi positivi e una creatività socialmente responsabile.

 Il Premio, giunto alla quinta edizione, è stato consegnato stamani a Roma, presso l’Auditorium del Museo dell’Ara Pacis, alla presenza della Presidente della Camera Laura Boldrini, del Sindaco di Roma Ignazio Marino e dell’Assessora alle Pari opportunità di Roma Capitale Alessandra Cattoi.

I finalisti sono stati scelti da una giuria presieduta dalla giornalista e scrittrice Daniela Brancati, in base alle numerosissime segnalazioni arrivate sul sito del premio, anche grazie alla collaborazione con Anci e la commissione Pari opportunità della Rai.

“Siamo molto soddisfatti di aver ricevuto il Premio Immagini Amiche – commenta Filippo Terzaghi, direttore di AssoBirra. La protagonista di questa campagna, con cui siamo tornati a fare comunicazione dopo tanti anni, è una donna moderna, indipendente, ironica, impegnata, che anche nella vita frenetica di tutti i giorni riesce a ritagliarsi dei momenti di piacere e socialità, in cui il gusto della birra è complemento perfetto. L’obiettivo di questa campagna è fare cultura di prodotto, sfatare alcuni luoghi comuni ma anche spiegare alle giovani adulte che il consumo  ̶  sempre e solo prudente e consapevole  ̶  di birra può essere compatibile con uno stile di vita moderno, equilibrato e attivo”.

La campagna è on air da metà febbraio su stampa, outdoor, media online e sulle principali piattaforme social. AssoBirra la porterà avanti per tutto il 2015 integrando l’advertising con attività di PR. Infatti, “Birra io t’adoro” vive anche su un blog (birraiotadoro.it) e 5 profili social (Facebook, Twitter, YouTube, Pinterest e Instagram) per contribuire a farne conoscere la storia e raccontare la cultura della birra. Come tutte le iniziative di comunicazione promosse in questi anni da AssoBirra, la campagna promuove una cultura della birra ispirata a un consumo moderato, consapevole e responsabile. Ed è quindi specificatamente rivolta ai maggiorenni, che possono scegliere se acquistare e consumare legalmente le bevande alcoliche.

La creatività della campagna è dell’agenzia Mensch di Copenhagen. MediaVest è stata coinvolta per la pianificazione e il media buying, mentre il piano PR è seguito dall’Istituto Nazionale per la Comunicazione – INC.