Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, eventuali cookie analitici di terze parti. Se vuoi saperne di più ed esprimere la tua scelta circa l'utilizzo dei cookie analitici clicca qui. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all'uso di tutti i cookie.

Perché è a suo agio in ogni occasione,
sempre unica e di tendenza

Luppoli vs influenza

Seduzione: come conquistare una donna che “adora” la birra

Galeotta fu la birra

marzo3_luppoli vs mali di stagione_rid
birra_donne_seduzione_rid
Galeotta fu la birra_rid

Non solo una bevanda, la birra è stata nei secoli anche simbolo dell’ amore romantico, come di quello sacro ma anche di quello contrastato. Da Kudrum a Beatrice d’Este, tra mito, storia e tradizione, ecco quando la birra suggella l’amore.

Il voto di Kudrum“Mai toccheranno birra le mie labbra finché prima non le tocchi il tuo bacio”, questo il giuramento d’amore eterno della figlia  del re dei Frisoni al suo Hervic, principe di Zelanda. Una rinuncia che evidentemente a quei tempi costava molto ma risulta estremamente romantica anche oggi…non trovate?

Con amore - A proposito di promesse d’amore, vale la pena ricordare la Festa di San Valentino che in Inghilterra si festeggiava già nel Quattrocento, sgranocchiando hot-crossom-bums  – i caratteristici panini morbidi con l’incisione  a croce – e brindando alle promesse d’amore con la birra preparata per l’occasione. La bevanda degli innamorati veniva degustata in speciali boccali decorati con un profluvio di cuoricini e iniziali intrecciati; a volte per sottolineare l’unione e la promessa amorosa anche i boccali erano legati insieme.

Fate e immortalità – Di tradizione irlandese invece la leggenda della fata Etain, sposa del re delle fate, che trasformata da una rivale in grano di polvere rinasce finendo nella coppa di birra della regina d’Irlanda: Etain sarà destinata a incontrare Angus, principe dell’amore, che la rinchiuderà in una sfera di cristallo dove, entrambi, vivranno per sempre nutrendosi… con la birra dell’immortalità.

La birra della sposa – Anche detta “birra di maggio”, era la bevanda che non poteva mai mancare nei matrimoni inglesi,  una birra speciale molto profumata che utilizzava fra gli ingredienti corteccia di pino e rosmarino. Molto più pragmatica la tradizione che voleva che i genitori della futura sposa, quando questa era ancora adolescente, preparassero una birra speciale da invecchiamento da vendere alla vigilia del matrimonio per comprare il corredo. Non solo di romanticismo vive il rapporto amore&birra

La birra è stata anche protagonista del celebre e blasonato matrimonio tra Beatrice d’Este e Ludovico il Moro, offerta per le vie di Milano, insieme al vino e ai confetti. E nel minuzioso elenco del corredo della sposa non mancano degli eleganti “bochali di cervogia”.

È proprio il caso di dire #birraiotadoro!