Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, eventuali cookie analitici di terze parti. Se vuoi saperne di più ed esprimere la tua scelta circa l'utilizzo dei cookie analitici clicca qui. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all'uso di tutti i cookie.

Perché è a suo agio in ogni occasione,
sempre unica e di tendenza

Birra e schiuma in (almeno) 3 perché

Birra, ecco come piace alle donne

Una chiara  per favore

quella che non gonfia_rid
marzo2_come piace alle donne_estratto survey_rid
Una chiara per favore_rid

Easy, leggera, amichevole, l’abbiamo paragonata a un paio di ballerine con le quali rincorrere la frenesia degli impegni di tutti i giorni, la chiara o Lager è la birra per eccellenza.

Fresca e beverina, esprime le sue caratteristiche migliori servita alla giusta temperatura (3 ai 6° gradi, a seconda della gradazione alcolica), nel bicchiere di vetro pulito e leggermente bagnato che ne facilita la spillatura e la mescita con le due proverbiali dita di schiuma.

Ma come imparare a riconoscere e apprezzarne le caratteristiche, già a colpo d’occhio e al primo assaggio? Ecco una breve guida alla degustazione della nostra birra chiara preferita*

 Alla vista –il primo elemento che risalta , se la birra è stata ben spillata, è la schiuma di media compattezza e il colore della bevanda che sarà chiaro con una limpidezza perfetta.

Al naso – prevale l’aromaticità della famiglia dei cereali, del lievito e del malto d’orzo, mentre sono più tenui i sentori fruttati, floreali e balsamici.

All’assaggio - prendiamo un primo, piccolo sorso per preparare la bocca. L’esame gusto-olfattivo vero e proprio avviene con il secondo assaggio, di maggior quantità. Immediato è l’effetto dell’effervescenza, che vivacizza sapori e aromi accentuando le componenti “dure” della bevanda: acidità e sapidità. La giusta frizzantezza rende vellutato il passaggio sulla lingua verso il palato. Sulla punta della lingua, invece, sentiremo il dolce degli zuccheri residui e del malto, poi passiamo ai lati della lingua per percepire la freschezza/acidità della bevanda. Infine, nella parte posteriore della lingua, le apposite papille caliciformi avvertiranno la componente amara. Immediatamente dopo la deglutizione, ne percepiremo il retrogusto espirando dal naso. A prevalere, ora, saranno le note erbacee e l’amaro, segno distintivo del suo luppolo.

Questa tecnica di degustazione “verticale” è tipica della birra chiara e la differenzia dal vino, – che deve “vivere in bocca” più a lungo, perché è nel cavo orale che si percepiscono tutte le sue caratteristiche –  ma anche dalle birre più strutturate e corpose, che devono essere “palleggiate” da una guancia all’altra per coglierne persistenza e struttura. La birra chiara, invece, con il suo corpo di lieve impronta e l’inconfondibile gusto amaricante che tende a prevalere sulla dolcezza, è ‘golosa’, nel senso che è proprio nella deglutizione che possiamo avvertire e valorizzare le sue caratteristiche.

Sembra proprio che il successo quasi universale di questa birra risieda nella delicatezza delle sensazioni gustative e tattili, che viene percepita come molto equilibrata e pulita. Leggera e poco impegnativa, piacevole e rinfrescante, è quella che si beve più volentieri fresca di frigorifero, specialmente come aperitivo, in accompagnamento a una pizza o al pasto di tutti i giorni.

 

* Testo a cura di Antonello Maietta, Presidente Associazione Italiana Sommeliers